Versioni alternative: dimensione testo

Comune di Langosco

Organigramma Servizi di futura attivazione Servizi on-line Bilanci Elenco Siti Tematici
Comune di Langosco - Storia
Lombardia --- Pavia
CENNI STORICI

Langosco è un comune di 458 abitanti della provincia di Pavia.
Si trova nella Lomellina occidentale, presso la riva sinistra del Sesia.

Nell'882 fu donato dall'imperatore Carlo il Grosso al vescovo di Vercelli. Faceva parte della Contea di Lomello, appartenente ai Conti Palatini. Nel 1164 è citato nel diploma con cui l'imperatore Federico I pose la Lomellina sotto il dominio di Pavia (che di fatto già l'esercitava da alcuni anni, da quando sottomise i Conti Palatini).

Nel 1250 appare come Langoschum nell'elenco delle terre pavesi. La signoria locale era rimasta ai Conti di Lomello, che nel XIII secolo si erano divisi in vari rami, confermati nei loro diritti nel 1311. Filippone, Tommaso ed Ettore erano allora signori di Langosco, e i loro discendenti furono poi (salvo interruzioni) feudatari del paese. Filippone Langosco fu anche Signore di Pavia.
I Langosco furono nuovamente infeudati dagli Sforza nel 1467; come molti antichi feudi, era tenuto per quote da diverse linee della stessa famiglia; essa manterrà la signoria fino alla fine del feudalesimo. Nel 1707 Langosco passò sotto il dominio sabaudo.

In epoca napoleonica Langosco è unito al comune di Rosasco, nel 1814 torna autonomo e gli vengono uniti i comuni già soppressi di San Paolo Leria e Santa Maria Bagnolo


San Paolo Leria fu un comune autonomo nell'ambito del feudo di Langosco; fu soppresso in epoca napoleonica e poi definitivamente unito a Langosco nel 1818.

Santa Maria Bagnolo fu forse sede di un monastero benedettino, abolito già prima della fine del medioevo. Nel 1164 è citato nel diploma di Federico I come Bagnolo, e così anche nell'elenco delle terre pavesi del 1250. Fece poi parte del feudo di Langosco. Fu soppresso in epoca napoleonica e unito a Rosasco, e poi definitivamente a Langosco nel 1818.